Sostenibilità

Sostenibilità: creare valore e trasformazione

Negli ultimi anni la parola sostenibilità è stata spesso usata (e abusata) in diversi contesti a partire dai tavoli istituzionali e dalle strategie aziendali. Talvolta il termine sostenibilità viene utilizzato come sinonimo di ecologia, pratiche green, ecosostenibili e affini. La sostenibilità, in realtà, è un concetto più articolato e profondo che tocca diversi aspetti. 

Uno sviluppo sostenibile è indirizzato sicuramente alla tutela dell’ambiente, ma anche a pratiche socio-economiche che abbiano un impatto sul benessere delle persone. 

La sostenibilità è definita da quattro pilastri

  • Governance: la responsabilità e i principi regolatori, 
  • Planet: l’attenzione al pianeta, 
  • People: il rispetto della società, 
  • Prosperity: focus sulla prosperità e non sul profitto fine a se stesso. 

Attraverso questo modello le imprese possono intraprendere un processo di trasformazione che possa accrescere il valore aziendale. Le aziende che non agiscono in questa direzione saranno in-sostenibili e rimarranno fuori dalle logiche di mercato e di crescita. 

Soluzioni green per tutelare l’ambiente

L’attenzione all'ambiente è forse il pilastro più noto della sostenibilità ed esistono diverse soluzioni per le aziende per ridurre la propria ‘carbon footprint’, ovvero l’impronta inquinata sul Pianeta.

Tra le più richieste, possiamo sottolineare: 

  • l’impiego di fonti di energia rinnovabili per utilizzare meno materie prime non rinnovabili e al contempo ridurre inutili sprechi energetici. Le nuove tecnologie, come l’Internet of Things, possono aiutare le aziende ad ottimizzare i consumi di energia e promuovere l’efficienza energetica; 
  • modelli di Circular Economy che possano favorire il circolo virtuoso del recupero e riciclo, per dare una seconda o terza vita ai materiali ancora utilizzabili;
  • mobilità sostenibile per gli spostamenti, sia delle persone che delle merci. 

Sostenibilità per il benessere della società 

La sostenibilità, come scrivevamo prima, non è solo una questione ambientale, ma anche socio-economica. Oltre che focalizzarsi sul processo produttivo, è necessario che le aziende puntino i propri fari su chi opera all’interno dell’azienda, su chi lavora su quel processo produttivo e sul territorio. E’ un approccio che mette al centro le persone, la comunità e punta l’attenzione sull’innovazione sociale. 

Grazie alle applicazioni di Intelligenza Artificiale e Internet of Things, è possibile rendere più sicuro un ambiente di lavoro, riducendo il rischio di infortuni e di malattie. Coinvolgere i dipendenti in questa transizione stimola la produttività, perché le persone sono più coinvolte e anzi non si sentono più solo come una parte dell’ingranaggio.

Creare valore, non solo profitto 

E’ ovvio che un’azienda debba produrre dei profitti per continuare il suo business, ma nella logica della sostenibilità non bisogna fermarsi al mero profitto, ma puntare alla creazione di valore. E’ un elemento fondamentale per poter valutare un’azienda, la sua responsabilità sociale e i suoi investimenti. 

Anche in questo caso le nuove tecnologie, come l’Intelligenza Artificiale e l’Internet of Things, possono aiutare le aziende per migliorare la produzione e il lavoro dei dipendenti. Grazie all’IoT, è possibile raccogliere dati e informazioni affidabili e in tempo reale per definire le metriche di sostenibilità di un’azienda. 

Un’azienda deve trovare l’equilibrio tra profitto e benessere, in un’ottica di crescita sostenibile sul piano ambientale e socio-economico per avere una visione più ampia sul futuro e le nuove generazioni. 

Mas Elettronica per uno sviluppo sostenibile

Mas Elettronica supporta le aziende nella transizione verso una maggiore sostenibilità. Tra i nostri prodotti, segnaliamo lo Smart Gateway Controller, orientato alle applicazioni di Smart Energy e Internet of Things. La Control Box è un gateway smart e a basso costo per raccogliere, elaborare e inviare le informazioni.

Contattaci per avere maggiori informazioni sullo Smart Gateway Controller

CONTATTACI


Robotica e modularità per applicazioni low power

In molti settori industriali, l’introduzione di applicazioni IoT low-power è un requisito fondamentale per operare con macchinari più leggeri, wireless o in aree senza un collegamento elettrico. Le tecnologie Internet of Things richiedono l’installazione di sensori remoti e non è sempre possibile cablare una zona, sia interna che esterna. Basti pensare ad un capannone, già fornito di cavi, dove sarebbe necessario un ulteriore cablaggio oppure un’area esterna, come un campo, dove è praticamente impossibile installare dei cavi.

La miglior soluzione percorribile è quindi l’utilizzo di applicazioni low-power, che però possano garantire le stesse performance delle tecnologie tradizionali. 

Robotica industriale con applicazioni low-power 

Grazie all’utilizzo di un chip low-power, un robot industriale di piccole e medie dimensioni può lavorare per diverse ore consecutivamente. Con un sensore IoT è, inoltre, possibile gestire il consumo energetico, attivando lo sleep mode in caso di inattività e inviando i dati solo quando necessario. Il robot diventa così autonomo nell’organizzare e gestione del flusso di lavoro. 

Anche nel caso di applicazioni low-power che condividono, scambiano e inviano dati è fondamentale aprire una parentesi sulla sicurezza. Per garantire la protezione, i dati vengono crittografati senza però rallentare il device o consumarne la batteria. I prodotti di MAS Elettronica, come SBC Frida, utilizzano inoltre i moduli di sicurezza TPM per proteggere l’integrità del sistema embedded. 

L'importanza di un sistema modulare

Perché un’applicazione low-power sia efficace è necessario che sia modulabile, così da poterla configurare secondo i requisiti e necessità di ogni ambiente di lavoro. Un prodotto modulare permette una personalizzazione a basso costo, perché l’architettura del prodotto non è fissa e prestabilita, ma è modificabile. 

Un sistema modulare ha altri vantaggi, come ad esempio una manutenzione più veloce, semplice e più economica. Permette inoltre di poter fare un upgrade senza dover sostituire l’intera infrastruttura

Le soluzioni MAS Elettronica per le tecnologie low-power

MAS Elettronica offre diverse soluzioni per le applicazioni low-power, tra cui SBC Frida, la single board ottima per pilotare display LVDS, DSI, HDMI. E’ il prodotto ideale per dispositivi mobili e le tecnologie di visione artificiale, come le telecamere industriali. Grazie a SBC Frida è possibile trasmettere dati e video ad alta definizione, anche in tempo reale, senza avere un consumo energetico eccessivo. 

Per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti

CONTATTACI

 


Tecnologie digitali

Tecnologie digitali e fonti rinnovabili per un futuro sostenibile

Immaginare che la propria azienda possa essere più sostenibile, attenta all’ambiente e alla qualità della vita delle persone non deve essere più solo un pensiero astratto, una slide su una presentazione, ma deve e può essere un progetto concreto per il futuro di ogni business. Ma per poter realizzare questa transizione verso una maggiore sostenibilità è necessaria un’adeguata innovazione tecnologica

Per decenni lo sviluppo economico si è basato sul paradigma maggiore produzione-maggior profitto, senza prendere in considerazione l’intero ecosistema ambientale e sociale. Progettare un futuro sostenibile significa, invece, ridisegnare il proprio scopo finale per ridurre, o eliminare, l’impatto negativo del processo industriale sull’ambiente e la società. 

Tecnologie digitali per l’energia del futuro

Tra i concetti chiave della sostenibilità, vi è l’uso responsabile delle risorse naturali per non compromettere l’ambiente e i bisogni delle generazioni future. Secondo alcune stime, le industrie siderurgiche, petrolchimiche e cementiere sono ad oggi i maggiori responsabili di emissioni di CO2, con il 52% di emissioni a livello mondiale. In questa fase emergenziale, che stiamo toccando con mano soprattutto in Europa, è purtroppo difficile immaginare una completa transizione alle energie rinnovabili, ma il percorso da tracciare è quello. Secondo un’indagine condotta da una società affiliata di Ernst & Young, l’energia del futuro sarà infatti decentralizzata, decarbonizzata e digitalizzata. 

La transizione digitale è quindi fondamentale per un futuro energetico più sostenibile. Digitalizzare un sistema vuol dire renderlo più efficiente in termini di resa e costi. Vuol dire, inoltre, poter monitorare l’andamento dei consumi per stimare i volumi e le emissioni, ed organizzare un approvvigionamento smart dove c’è maggior bisogno. 

Le tecnologie digitali di ultima generazione, come i sistemi di Intelligenza Artificiale e Internet of Things, sono fondamentali per raggiungere questi obiettivi e rendere più efficiente e sostenibile il complesso sistema energetico: dalla pianificazione all’approvvigionamento, dalla gestione alla manutenzione fino alle analisi dei consumi di energia. Grazie ai sensori smart e alle tecnologie di Machine Learning, le tecnologie digitali possono gestire processi complessi, effettuare la manutenzione predittiva, monitorare i sistemi e raccogliere i dati in tempo reale da poter analizzare per prendere decisioni mirate ed oggettive. 

Digitalizzazione e sicurezza

La digitalizzazione del sistema energetico prevede quindi un intenso scambio di informazioni e dati, che sono allo stesso tempo essenziali e sensibili, e di conseguenza richiedono una rete sicura e protetta per la condivisione dei dati. Soluzioni digitali come la tecnologia Blockchain hanno permesso di raggiungere un elevato livello di sicurezza nel settore finanziario e non solo. Rappresenta quindi anche un’opportunità per lo scambio di dati nel settore energetico.

Infine, è bene tener presente che le tecnologie digitali non sono esenti da un consumo di risorse e quindi da un impatto sull’ambiente. Il settore delle telecomunicazioni (TIC), con i centri dati e il traffico di Internet, richiede una parte della domanda globale di energia elettrica. Se nel 2020 questa parte di energia si aggirava intorno al 1-2% della richiesta globale, ma la forte crescita del settore TIC, con l’aumento anche di servizi di streaming video online, porterà sicuramente ad un maggior consumo di energia elettrica.

MAS Elettronica a supporto delle tecnologie digitali per un futuro sostenibile

Da sempre Mas Elettronica è focalizzata sull'innovazione tecnologica delle aziende, italiane ed internazionali. Grazie ai nostri prodotti è possibile automatizzare e ottimizzare i processi per ottenere vantaggi sulla produzione ma anche per una migliore sostenibilità ambientale.

La piattaforma SBC Mina è adatta a ottimizzare i processi migliorando le performance garantendo un alto livello di sicurezza grazie al modulo di sicurezza a TPM.

Per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti

CONTATTACI

 


TPM - Mas Elettronica - unsplash

Processori TPM per la sicurezza dei sistemi embedded

La sicurezza informatica è uno degli elementi fondamentali per un’azienda: attraverso ogni tipologia di device, dagli smartphone ai computer fino ai macchinari smart, le società scambiano ogni giorno informazioni e dati riservati o sensibili. Per questo è importante che ci siano sistemi di sicurezza efficaci per creare un ambiente sicuro. Primo fra tutti è il Trusted Platform Module (TPM), un microchip crittografico installato su un sistema embedded. Grazie al loro utilizzo, è possibile criptare le informazioni salvate sul device e renderle indecifrabili da utenti non autorizzati

A cosa serve un Trusted Platform Module? 

Un Trusted Platform Module è un modulo di sicurezza che garantisce integrità ai sistemi embedded e viene generalmente implementato con la scheda madre di un computer, ma può essere aggiunto ad altri dispositivi.

Il TPM è un processore aggiuntivo che comunica con la CPU e viene usato per operazioni e funzioni crittografiche. Utilizzando un Trusted Platform Module si possono creare e archiviare chiavi crittografiche (wrapping or binding) che possono essere decifrate solo dal TPM stesso. Un processore di questo tipo può essere utilizzato, ad esempio, per l’autenticazione a due fattori con una chiave RSA univoca. Il Trusted Platform Module è praticamente una cassaforte che può offrire una sicurezza maggiore rispetto ad un software. 

Durante l’avvio del sistema operativo, il modulo viene utilizzato per verificarne il corretto avvio ed evitare intrusioni illecite. I moduli TPM sono progettati per essere compatibili con i diversi sistemi operativi. Se il TPM individua una anomalia o un cambiamento, il modulo blocca il caricamento dei dati o dei software a rischio di compromissione. 

Le caratteristiche dei moduli TPM 2.0 

La versione più recente dei Trusted Platform Module è il TMP 2.0: 

  • offre maggiore flessibilità pur mantenendo l’integrità della crittografia, 
  • supporta gli algoritmi più recenti garantendo migliori prestazioni, (per conoscere gli algoritmi supportati è necessario consultare il TCG Algorithm Registry), 
  • è conforme allo standard internazionale ISO/IEC 11889:2015, 

I prodotti MAS Elettronica con tecnologia TPM 

Per noi di MAS Elettronica la sicurezza è fondamentale per questo progettiamo i nostri sistemi embedded con i moduli TPM 2.0, come ad esempio le nostre CPU Aurora IMX8M Plus, CPU Anita IMX8M Nano e Frida SBC IMX8M

Per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti con i Trusted Platform Module

CONTATTACI